Torna alla Pagina Iniziale  • HOME PAGE

La Città di Nizza ed i 6 Comuni italiani dell’Antica Contea di Nizza

Il 21 aprile 2009, presso la Sala Consiliare del Comune di Dolceacqua, è stato presentato il Progetto "Contea di Nizza, uno spazio storicamente transfrontaliero" (Le Comtè de Nice, un espace historique transfrontalier). A presentare questo progetto il Consigliere Jean Marc GAUME delegato al Patrimonio Storico, Lingua e Cultura Nizzarda della Città di Nizza, ed i Sindaci dei 6 Comuni Italiani che prima del 1860 facevano parte della Contea di Nizza: Dolceacqua, Rocchetta Nervina, Isolabona, Pigna, Perinaldo ed Apricale. All’evento hanno inoltre presenziato il Vice Presidente dell’Università di Nizza accompagnato da alcuni professori e da dirigenti del Comune di Nizza.

La Contea di Nizza in passato risultava costituita, per scelte politiche e storiche, da un mosaico di territori divisi tra mare e montagna. Nel corso dei secoli si è definita e formata un’identità comune: arte, letteratura, architettura, ma anche lingua e tradizioni danno testimonianza di tale particolarità che trova nella città di Nizza il suo centro nevralgico; Nel 1860 il contado di Nizza venne annesso alla Francia, fatta eccezione per i comuni di Dolceacqua, Isolabona, Rocchetta, Apricale, Perinaldo e Pigna, i quali avrebbero fatto parte del nuovo Regno d’Italia costituitosi nel 1861; più tardi, nel 1947, i comuni di Tenda, La Brigue e Molière si unirono a loro volta alla Francia. La Contea di Nizza divenne così un territorio transfrontaliero dove i diversi Comuni italiani e francesi conobbero destini differenti;

Ad animare l’accordo di programma per la riscoperta dell’Antica Contea di Nizza vi è la considerazione che, nonostante le vicende storiche, i legami che uniscono questi comuni non sono stati cancellati ed i progetti "transfrontalieri", tanto cari all’Europa, danno oggi l’occasione di rinnovare tali legami e di mettere in comune l’insieme delle ricchezze, siano esse culturali od economiche, in un unico grande progetto al tempo stesso alpino e mediterraneo di cui la "Strada Reale Nizza -Torino" diverrebbe il denominatore comune;