Torna alla Pagina Iniziale  • HOME PAGE       Storia  • Pag. 2

13º FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE ARPE

Edizione 2009


Ritorno nel Castello dei Doria


L'importanza dell'arpa e l'influenza che essa ha avuto nella storia dell'uomo, dalla preistoria ai giorni nostri, sono i motivi alla base della realizzazione del Festival Internazionale delle Arpe. La volontà di dare al nostro borgo una precisa connotazione artistica, la collaborazione con le più importanti associazioni del settore (Harpae) ed il sostegno della Regione Liguria, della Provincia di Imperia, della Prefettura di Imperia e di tutta la popolazione di Isolabona hanno portato l’evento, con successo, alla sua tredicesima edizione legando Isolabona, in modo indissolubile, al tema dell’arpa. Da quest’anno, grazie all’impegno della nuova amministrazione comunale, che ha visto in soli quaranta giorni il recupero della sede dell’evento, il Festival torna nella prestigiosa cornice del Castello dei Doria, di suggestivo impatto scenografico, che dispone di circa duecento posti a sedere. Punto forte della manifestazione, come per le precedenti edizioni, è la partecipazione di importanti arpisti internazionali e l’assoluta varietà dei programmi proposti che abbracciano generi ed poche diverse, dalla musica Barocca a quella Celtica, dalla Classica alla New Age, dal Jazz alle musiche Etniche. La possibilità di seguire le conferenze musicali sul tema dell'arpa, degustare un aperitivo al suono di questo dolce ed armonioso strumento, ascoltare le performance dei più importanti artisti internazionali, collocano ’Isolabona il Paese delle Arpe’ tra gli eventi più importanti del ponente ligure con un nutrito interesse anche a livello nazionale ed internazionale. Franco Amadeo, Vicepresidente della Provincia ed Assessore Provinciale al Turismo ed alle Manifestazioni, sottolinea: ’Il Festival delle Arpe è sicuramente una manifestazione unica nel suo genere e di grande fascino. Ad impreziosire l’evento c’è anche un palcoscenico d’eccezione, il Castello di Isolabona, uno dei luoghi più suggestivi del nostro entroterra’.

Alcune immagini dell’evento